Gennaio, andiamo, è tempo di Wassail

Come ogni gennaio, alla fine delle lunghe vacanze natalizie, tra i meleti pronti a sopportare il gelo prima di fiorire a primavera, è facile trovare gruppi di persone intente a danzare intorno agli alberi, suonare, intonare vecchie cantilene e ovviamente brindare, con del buon sidro. È il tempo del Wassailing, l’antica tradizione (il nome significa proprio “portare bene”) di omaggiare gli arbusti che dovranno dare buoni frutti con doni molto umani. E anche una scusa per vivere insieme in comunità tradizioni secolari.

Portare bene… per i raccolti futuri

Il periodo del Wassail – tradizione nata in Gran Bretagna con tracce già nel lontano 1400 e poi esportata, proprio dagli inglesi, anche altrove nel mondo – è quello che va da metà gennaio alla sua fine, temperature e meteo permettendo. Ecco che proprio in queste settimane il passaparola, ormai anche virale su internet, si fa più pressante e sbucano gli appuntamenti nelle terre del sidro. Ma di cosa si tratta esattamente e dove sono avvenute le feste più belle? Se in passato il Wassail era cosa da uomini e donne e bambini restavano a casa con i nasi schiacciati dietro al vetro ad attendere il loro ritorno, oggi è diventata una festa per tutta la comunità. Gli appuntamenti passano via Facebook, via stampa locale, nelle bacheche degli uffici pubblici, delle scuole, delle biblioteche e delle fabbriche. L’appuntamento è quasi sempre per un dopolavoro pomeridiano quando già è buio, talvolta anche per un dopocena, e se sono coinvolti i più giovani anche la mattina.

Wassail d’America

Nel New Jersey per esempio, Stati Uniti d’America, nelle terre dei Terhune Orchards lo scorso 26 gennaio si è tenuta una mattina a intensa, tutta tra i meli: c’erano strumenti primitivi perfettamente conservati da suonare, si cantava insieme e si ballava in cerchio abbracciando virtualmente gli alberi più anziani, si beveva sidro e chiunque poteva mettere fette di pane irrorate dallo stesso sidro tra i rami dei meli per augurare loro di crescere in prosperità.

La tradizione del Somerset

Ma la terra dove il Wassail spopola è da sempre il Somerset inglese: qui peraltro anche un produttore moderno ha iniziato a svolgere per ragioni commerciali il Wassail tra le sue piante dallo scorso anno e sempre qui il mese di gennaio è stato ricco di appuntamenti. Come quello dello scorso 11 gennaio a Watchfield, organizzato da un produttore locale, che si è trasformato in una notte di musica e spettacoli a pagamento per raccogliere fondi in beneficenza, con un gruppo a suonare e danze sfrenate durate fino al mattino. O come l’evento più tradizionale avvenuto lo scorso 17 gennaio a Peak Lane, Somerton: qui dalle 7 di sera gli abitanti hanno portato nei meleti le loro pentole e padelle per suonarle allegramente in compagnia girando intorno agli alberi, prima di assaggiare e brindare al prossimo raccolto con una pinta di sidro locale.

Photo credits: Central Somerset Gazette

Lascia un commento

(*) Campi obbligatori
twitter facebook pinterest storify youtube rss