Cos’è la Golden Hour

Chiudete gli occhi e immaginate una distesa di sabbia a pochi passi da uno specchio d’acqua trasparente; oppure un prato verde e qualche sdraio, sotto un’imponente catena montuosa. Il tutto con il sole che, dopo aver riscaldato la giornata, tinteggia il cielo di un color arancio-rosaceo e regala gli ultimi attimi di tepore, prima di scomparire all’orizzonte. Quali occasioni più ghiotte, e affascinanti, per gustarsi una pinta di sidro appena stillata, magari in buona compagnia?

Fotografia – Ecco, adesso immaginate di avere con voi anche una bella macchina fotografica. Sì perché il tramonto, insieme all’alba, oltre ad essere l’attimo perfetto per godersi un rinfrescante aperitivo a base di mele, è il momento migliore per scattare una splendida fotografia con luce naturale. “Golden hour”, la chiamano i più esperti: l’ora dorata. Ma anche “ora magica”, “ora blu” e “tempo di blu”. Da mezz’ora prima che nasca il sole fino a mezz’ora dopo l’alba e, ancora, da mezz’ora prima che sparisca fino a mezz’ora dopo il tramonto: insomma, quando la stella madre è molto bassa e la luce cala, offrendo colori più morbidi e più caldi.

Tecnologia – Un attimo da cogliere letteralmente al volo che, tra gli appassionati, rappresenta spesso una vera e propria lotta contro il tempo. Tanto che in rete esistono diversi servizi che calcolano con precisione le golden hours in tutto il mondo. Uno dei siti più completi è www.golden-hour.com: specificando la data e localizzando il posto in cui si vuole fare lo scatto, vengono indicati i due intervalli giornalieri ricercati. Un arco di tempo che nelle limpide giornate d’inverno si allunga di circa altri trenta minuti.
Un piccolo accorgimento per chi ama la montagna. Il rischio, infatti, è di trovarsi sul versante sbagliato, coperti dall’ombra: per evitare ogni inconveniente, si può chiedere aiuto a Google Earth che, nella visualizzazione tridimensionale, consente di prevedere gli effetti della luce solare sul terreno e quindi anche le zone d’ombra.

Mobile – Non bisogna per forza essere fotografi professionisti per sfruttare al meglio le tonalità dell’alba e del tramonto. Basta avere uno smartphone dotato di buona fotocamera e scaricare l’applicazione giusta. Ad esempio, The Golden Hour App per iPhone e iPad, una versione mobile del sito consigliato in precedenza. Oppure, Sole Surveyor, per gli utenti Android. Entrambi i programmi sono disponibili anche in versione lite e gratuita.
Per chi vuole simulare a tavolino l’effetto luce dorata, invece, c’è Magic Hour, disponibile sia per Apple che per Android.

Photo credits: tir_na_nog

twitter facebook pinterest storify youtube rss