Il processo produttivo del sidro: la lavorazione delle mele

Gli stabilimenti Bulmers sorgono a Ledbury, nel cuore dell’Herefordshire. Qui inizia la lavorazione del sidro. Si contano mediamente 100mila tonnellate di frutti che circolano dai frutteti alla sidreria nel corso delle settimane autunnali.

Verso le presse

Grazie a un sistema di vasi conduttori collegati e funzionanti con flussi di acqua, le mele raggiungono l’interno dello stabilimento dove scorrendo sotto a getti d’acqua continui, ricevono un più approfondito lavaggio, e infine vengono frantumate tonnellate di mele vengono consegnate allo stabilimento di Ledbury, nell’Herefordshire inglese. Dopo essere state scaricate, le mele vengono sottoposte nuovamente a lavaggio e poi convogliate verso la camera di frantumazione. Un addetto controlla che il flusso sia equilibrato su tutti i nastri trasportatori e che non ci siano frutti danneggiati, che essendo stati esposti agli agenti ossidanti andrebbero ad alterare il gusto del sidro. Le mele vengono quindi sottoposte a frantumazione e successivamente a per poi essere lasciate cadere nel torchio. I frutti danneggiati vengono eliminati e le mele migliori sono finalmente pronte al grande evento: la pressatura, che le trasformerà in succo pronto all’articolato processo di fermentazione.

Un dolce segreto

Il pastoso prodotto della pressatura ha già in sé molte delle caratteristiche del sidro finale. È infatti risultante da determinate scelte che stanno a monte, come quelle delle varietà di mela utilizzate, per ottenerlo è importante lavorare immediatamente le mele precoci.

Photo credits: Chambo25

Lascia un commento

(*) Campi obbligatori
twitter facebook pinterest storify youtube rss